Drink in Quarantena – LAS CALACAS

Nonostante la fase 2 sia stata annunciata nella serata di domenica dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la situazione rimarrà praticamente invariata almeno per un altro mese. Non abbiamo quindi altra alternativa se non continuare a brindare con i nostri amici in maniera virtuale, mantenendo le distanze.

Dopo il drink di ieri ispirato all’universo Marvel, oggi ve ne consiglio un altro ispirato al registra Tim Burton e ideato dal bartender Alessio De Simone del Wisdomless Club di Roma.

Ecco a voi la ricetta del LAS CALACAS.

INGREDIENTI

  • 45 ml Mezcal Los Siete Misterios infuso al peperoncino
  • 15 ml succo di lime
  • 15 ml succo di arancia
  • 15 ml sciroppo al cioccolato
  • bitter al cioccolato
Il drink Las Calacas
Il drink Las Calacas

Bicchiere: Tumbler basso
Garnish: lime essiccato e fili di peperoncino

PREPARAZIONE:
Raffreddare con ghiaccio un bicchiere basso. Versare tutti gli ingredienti in uno shaker, colmare con ghiaccio e agitare energicamente. Rimuovere l’acqua in eccesso dal bicchiere e versare il cocktail direttamente sul ghiaccio. Guarnire con una fettina di lime essiccato e qualche filo di peperoncino.

 

Il drink prende ispirazione dal film d’animazione Nightmare Before Christmas del regista Tim Burton. Il protagonista della pellicola è Jack Skeletron, uno scheletro che nell’aspetto ricorda molto quelli della tradizione messicana, chiamati, per l’appunto, Calacas. L’utilizzo del mezcal come base alcolica per questo drink viene dalla volontà di creare un collegamento con il Messico. Il fatto che nell’etichetta del mezcal Los Siete Misterios siano raffigurate proprio delle Calacas ha contribuito fortemente alla scelta del prodotto. Il resto della ricetta è nato giocando su abbinamenti di sapori e prodotti tipici della cucina messicana, come il peperoncino e il cioccolato.

Alessio De Simone - Bartender al Wisdomless Club di Roma
Il bartender Alessio De Simone

Il drink è stato ideato da Alessio De Simone, bartender del Wisdomless Club di Roma. “Wisdomless” significa “senza giudizio”, o anche “con leggerezza”. Il locale trae ispirazione dallo scrittore Eichendorff che nel suo racconto “Vita di un Perdigiorno” narra avventure fiabesche e passeggiate nella natura. Altra fonte di ispirazione è rappresentata dai surrealisti francesi degli Anni Venti che organizzavano le passeggiate dei flâneurs parigini.

I gentiluomini di Wisdomless sembrano usciti dalle chine del disegnatore Hugo Pratt: eleganti, tatuati, bons vivants.

Il locale è un posto pieno di meraviglie: un incrocio tra un’invenzione di Jules Verne e un gabinetto delle curiosità, in cui tra ossa e alligatori, incisioni antiche e pugnali del lontano Oriente, ci si tatua, si bevono cocktails classici e originali, si sogna e si viaggia nelle sale del Club.

Un po’ come Xavier de Maistre viaggiava attorno alla sua stanza oppure come De Selby, il personaggio creato da Flann O’Brien, viaggiava con il suo pensiero, costituendo una sfida alle convenzioni comuni, uno squarcio nella tela delle credenze assodate, una sfida per i paradigmi scientifici e sociali dominanti. Proprio come Wisdomless, senza giudizio e con leggerezza.

Nightmare Before Christmas

Se sei un fan di Tim Burton non puoi non assaggiare questo drink.

Seguimi sulla pagina Instagram RdA e raccontami il tuo drink da quarantena. Inoltre, potrai leggere le novità sui locali, drink list e le migliori storie alcoliche. Ti aspetto lì…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.